Sei in Ricerca Europea ›› VII Programma Quadro ›› COOPERAZIONE ›› Scienze Socioeconomiche e Umanistiche

Scienze Socioeconomiche e Umanistiche

Budget € 610 milioni per tutta la durata del Programma Quadro.

 

Obiettivo

SSH1L'8° tema intende approfondire la conoscenza delle nuove sfide che l'Europa si trova ad affrontare nel settore sociale, economico, culturale e politico. La maggiore comprensione dei fenomeni indagati sarà la base per formulare in modo consapevole le politiche nei corrispettivi settori.

 

Potenziali utenti di tale tema sono le università, gli enti di governo locali e nazionali, associazioni d'imprese, associazioni sindacali, ONG, istituti finanziari, istituti statistici, agenti di sviluppo dell'innovazione, associazioni di cittadini, PMI, ecc.

 

 

Tematiche di ricerca

L'8° tema suddivide i temi di ricerca in "aree tematiche" che a loro volta vengono dettagliate in "topic". Di seguito sono elencate le 8 attività e le relative aree tematiche. I topic saranno dettagliati nel programma di lavoro che troverete nella sezione "Bandi". Il budget stanziato per finanziare i progetti di ricerca lungo i 7 anni di programma quadro, sono 130.5 milioni di euro.

 

 

Attività



1. Crescita, impiego e competitività in una società della conoscenza 

Tale attività mirerà a sviluppare ed integrare la ricerca in ambiti quali la crescita, l'impiego e la competitività, allo scopo di accrescere ed integrare la comprensione di tali questioni per proseguire lo sviluppo di una società della conoscenza. Sarà di beneficio alla politica e sosterrà il progresso verso il raggiungimento di tali obiettivi. La ricerca integrerà i seguenti aspetti:


Il ruolo della conoscenza in continuo cambiamento in ambito economico, incluso il ruolo svolto dalle diverse tipologie di conoscenze e competenze, dall'istruzione e l'apprendimento continuo e gli investimenti immateriali.

Le strutture economiche, le questioni relative a cambiamenti strutturali e produttività, incluso il ruolo svolto dal settore dei servizi, della finanza, della demografia, dalla richiesta ed i processi di cambiamento a lungo termine.

Questioni istituzionali e politiche, incluse le politiche macroeconomiche, i mercati del lavoro, i contesti istituzionali, la coerenza ed il coordinamento delle politiche.

Verranno incluse le nuove ed importanti sfide ed opportunità conseguenti all'incremento della globalizzazione, le economie emergenti, il ricollocamento e l'allargamento dell'UE. Le questioni relative all'impiego comprenderanno anche la disoccupazione e l'erroneo sfruttamento delle risorse lavorative disponibili.

 

Questa attività si suddivide in tre aree tematiche:

  • Cambiare il ruolo della conoscenza attraverso l'economia
  • Cambiamenti strutturali nella società della conoscenza europea
  • Istituzioni e politiche in Europa


2. Combinare gli obiettivi economici, sociali ed ambientali in una prospettiva europea

In questo modo si mira a sostenere lo scopo della società che è quello di combinare gli obiettivi economici, sociali ed ambientali e di migliorare così le basi per lo sviluppo sostenibile. La ricerca nell'ambito di questa attività verterà su due temi interrelati tra loro:

  • Come i modelli socio-economici europei e quelli esterni all'Europa hanno gestito la combinazione degli obiettivi, le condizioni in cui ciò si è svolto incluso il ruolo del dialogo, il partenariato sociale, il cambiamento istituzionale e la loro abilità di affrontare nuove sfide.
  • La coesione economica tra le regioni e lo sviluppo regionale nell'Europa allargata; sia la coesione sociale (incluse le disuguaglianze, la protezione ed i servizi sociali, le politiche di imposizione fiscale, le relazioni etniche, l'istruzione e l'esclusione sociale, la salute) che il suo legame con i problemi sociali come la povertà, l'alloggio, il crimine, la delinquenza e le droghe.

 Nell'affrontare tali questioni, verrà tenuta in considerazione l'esistenza di alternanze o sinergie tra gli obiettivi economici, sociali ed ambientali nel contesto mondiale, gli aspetti spaziali, la sostenibilità a lungo termine e le questioni legate ai paesi in via di sviluppo.
Questa attività si suddivide in tre aree tematiche

  • Approcci per la combinazione di obiettivi e modelli socio-economici
  • Coesione regionale e sociale
  • Questioni trasversali

 

 

3. I principali orientamenti nella società e relative implicazioni

Lo scopo è quello di comprendere e valutare le implicazioni di particolari tendenze nella società europea che hanno comportato maggiori conseguenze per i cittadini, per la loro qualità della vita e per le politiche, fornendo quindi un sostegno per molte aree politiche. La ricerca empirica e quella teorica verteranno inizialmente su tre tendenze:

  • Il cambiamento demografico, compreso l'invecchiamento della popolazione, il tasso di natalità e la migrazione.
  • I cambiamenti relativi allo stile di vita, la famiglia, il lavoro, i consumi, la salute e la qualità della vita comprese le questioni relative ai bambini, i giovani ed i disabili.
  • Le interazioni culturali in prospettiva internazionale comprese le tradizioni di società differenti, la diversità di popolazione, la discriminazione, il razzismo, la xenofobia e l'intolleranza.

Verranno incluse anche le questioni relative al genere ed il cambiamento dei valori. Inoltre, i cambiamenti relativi alla criminalità ed alla percezione del crimine verranno esaminati, unitamente ai cambiamenti nella responsabilità solidale.

Questa attività si suddivide in tre aree tematiche:

  • Cambiamenti demografici.
  • Orientamenti della società e stili di vita Interazioni culturali in una prospettiva internazionale. 

 

 

4. L'Europa nel mondo

L'obiettivo è quello di comprendere le mutevoli interazioni e le interdipendenze tra le regioni del mondo e le conseguenti implicazioni per le regioni interessate, in particolar modo per l'Europa, e le questioni relative alla gestione delle minacce e dei rischi emergenti in un contesto mondiale ed il conseguente legame con i diritti umani, le libertà ed il benessere. La ricerca coinvolgerà due linee correlate:

  • Flussi commerciali, finanziari, investimenti, migrazione e relativo impatto; lo sviluppo irregolare, la povertà e la sostenibilità; le relazioni politiche ed economiche e la governance globale. In questo modo verranno esplorate le interazioni culturali compresi i mezzi d comunicazione e le religioni, e determinati approcci non-europei.
  • I conflitti, cause e risoluzioni; il rapporto tra sicurezza e fattori destabilizzanti quali la povertà, il crimine, il degrado ambientale e la scarsità delle risorse; il terrorismo, cause e conseguenze; politiche di sicurezza e percezione dell'insicurezza e dei rapporti civili e militari.

In entrambi i casi verranno affrontati i temi relativi al ruolo dell'Europa nel mondo, lo sviluppo del multilateralismo e del diritto internazionale, la promozione della democrazia e dei diritti fondamentali nelle varie accezioni e l'immagine che l'Europa da di sé.

Questa attività si suddivide in tre aree tematiche:

 

  • Interazioni ed interdipendenze tra le regioni del mondo e relative implicazioni
  • Conflitti, pace e diritti umani


 

5. Il cittadino nell'Unione Europea

Nel contesto del futuro sviluppo dell'Unione Europea, l'obiettivo è quello di migliorare, in primo luogo, la comprensione delle questioni concernenti sia il raggiungimento della "proprietà" democratica e la partecipazione attiva da parte dei cittadini che di una governance reale e democratica, e, in secondo luogo, le diversità dell'Europa e le comunanze in termini di cultura, istituzioni, diritto, storia, lingue e valori. La ricerca verterà su:

 

  1. La partecipazione (compresa quella giovanile), la rappresentanza, la responsabilità e la legittimità; la sfera pubblica europea, i mezzi di comunicazione e la democrazia; varie forme di governance nell'Unione Europea ed i processi politici; il ruolo della società civile; la cittadinanza ed i diritti; i valori legati alla popolazione.

  2. Differenze e somiglianze europee, comprese le origini storiche e l'evoluzione; le differenze tra le istituzioni (comprese le normative, la pratica, le leggi); l'eredità culturale; varie visioni e prospettive per l'integrazione europea compreso il punto di vista della popolazione; l'identità; gli approcci a culture a coesistenza multipla; il ruolo della lingua, le arti e le religioni; le attitudini ed i valori.

Questa attività si suddivide in due aree tematiche:

 

  • Partecipazione e Cittadinanza in Europa
  • Diversità e somiglianze in Europa

 

 

6. Indicatori scientifici e socio-economici

In vista del miglioramento dello sfruttamento degli indicatori nelle politiche, lo scopo è quello di sviluppare una più profonda comprensione del loro utilizzo nell'attuazione e sviluppo delle politiche, e di proporre miglioramenti negli indicatori e nei metodi per il loro utilizzo. La ricerca verterà su:

 

  • Come vengono utilizzati gli indicatori negli obiettivi politici, nello sviluppo ed attuazione delle politiche, in svariati settori, dai macro ai micro livelli, l'adeguatezza degli indicatori già esistenti ed il loro utilizzo, proposte per nuovi indicatori e serie di indicatori.

  • Come le politiche basate sui fatti potrebbero essere sostenute in modo più efficace dagli indicatori e relativi metodi di utilizzo; indicatori per politiche con obiettivi multipli, per il coordinamento e la regolamentazione delle politiche; sostegno per tali indicatori attraverso statistiche ufficiali.

  • Sfruttamento di indicatori e relativi approcci per la valutazione di programmi di ricerca compresa la valutazione dell'impatto.

Questa attività si suddivide in quattro aree tematiche:

 

  • In che modo gli indicatori vengono utilizzati nella politica
  • Necessità di nuovi, migliori e più appropriati indicatori
  • Fornire statistiche ufficiali di fondo
  • Sfruttamento degli indicatori e relativi approcci per la valutazione dei programmi di ricerca

 

7. Attività di previsione

L'obiettivo è quello di fornire ai policy-maker nazionali, regionali e comunitari, delle conoscenze per l'identificazione preventiva delle sfide a lungo termine e delle aree di interesse comune che possano supportarli nella formulazione delle politiche. Verrano coperte quattro aree di attività:

 

  • Previsione socio-economica ad ampio raggio relativa ad un numero limitato di sfide chiave ed opportunità per l'Unione Europea, attraverso l'esplorazione di argomenti quali il futuro e le implicazioni dell'invecchiamento della popolazione, la migrazione, la globalizzazione delle conoscenze, i cambiamenti nel crimine ed i principali rischi.
  • Previsioni tematiche più focalizzate sugli sviluppi sia in ambiti di ricerca emergenti o ambiti di ricerca trasversali già esistenti, che sul futuro delle discipline scientifiche.
  • Previsioni sui sistemi e le politiche di ricerca in Europa e sul futuro degli attori chiave coinvolti.
  • Apprendimento reciproco e cooperazione tra iniziative preventive nazionali e/o regionali; cooperazione tra UE, paesi terzi ed iniziative preventive internazionali. 

Questa attività si suddivide in quattro aree tematiche:

 

  • Identificazione preventiva delle sfide a lungo termine nella scienza, nella tecnologia e nell'innovazione
  • Previsioni tematiche focalizzate
  • Sistemi e politiche di ricerca in Europa
  • Apprendimento reciproco e cooperazione


 

8. Attività Strategiche

Tale parte del programma di lavoro descrive determinate attività "orizzontali" necessarie per la corretta attuazione della priorità tematica specifica, in particolar modo per quanto riguarda i bisogni politici imprevisti, la cooperazione internazionale, la disseminazione delle attività del programma e gli studi strategici.
Vista la forte dimensione internazionale della ricerca, la cooperazione internazionale verrà sviluppata in tutte le aree tematiche. Azioni di cooperazione internazionale specifiche verranno intraprese su un numero di argomenti selezionati su basi multi e bilaterali identificate sulla base delle necessità sia dei paesi partner che di quelli europei.