Sei in Ricerca Europea ›› Horizon 2020 ›› Spreading excellence and widening participation

Spreading excellence and widening participation

ECCELLENZA_box

 

Obiettivi

 

Il pilastro indipendente di H2020 “Diffondere l’eccellenza e ampliare la partecipazione” ha l’obiettivo generale di migliorare e incrementare la partecipazione al nuovo Programma Quadro per la R&I di alcuni Stati Membri e regioni dell’UE con prestazioni non soddisfacenti nel quadro della R&I.

 

Ecco perché le misure previste in questo pilastro si rivolgono a tutti quegli Stati Membri e quelle regioni che potrebbero rendere più efficienti i loro sistemi e le loro reti nazionali di R&I nonché migliorare le loro performance in termini di investimenti in R&S, contribuendo allo stesso tempo a rafforzare la crescita economica e la competitività dell’economia europea.

 

Il pilastro “Diffondere l’eccellenza e ampliare la partecipazione” prevede dunque di:

- concentrare gli sforzi sul trasferimento della conoscenza e sull’institutional building;

- Ottimizzare le Strategie per la Specializzazione Intelligente;

- Consentire alle azioni intraprese nel quadro dei Fondi Strutturali  di essere accompagnate dalle iniziative “teaming” e “twinning” (presentate qui di seguito). 

 

Attività principali:

 

Teaming:questo tipo di azioni sono finalizzate al sostegno alla creazione di nuove (o all’aggiornamento di esistenti)Centri di Eccellenza negli Stati Membri e nelle regioni con performance non soddisfacenti in termini di R&I.A questo scopo si prevede la creazione di legamitra organizzazioni (per esempio autorità o agenzie nazionali e regionali per la R&I) stabilite negli Stati Membri che hanno prestazioni non ottimali nel campo della R&I e uno o più enti di  R&I di eccellenza in Europa. L’iniziativa si focalizzerà sulla fase preparatoria per la costruzione (o l’aggiornamento e l’ammodernamento) di tali Centri di Eccellenza facilitando un teaming, un processo guidato dalle controparti di eccellenza.

 

Twinning:questo tipo di azioni sono finalizzate a sostenere il rafforzamento di un determinato campo di ricerca in un ente di ricerca emergente attraverso la formazione di reti istituzionali che colleghino almeno due controparti leader a livello internazionale presenti in Europa. Esempi di misure a sostegno di queste reti istituzionali sono lo scambio di personale, visite di esperti, corsi di formazione, workshop, partecipazione a conferenze, organizzazione di attività congiunte di tipo summer school, attività di disseminazione.

 

ERA Chairs:lo schema è finalizzato a stabilire delle “Cattedre ERA (European Research Area)” per attirare ricercatori di spicco verso enti di ricerca con un chiaro potenziale per l’eccellenza nella ricerca, al fine di aiutare questi enti a sbloccare questo potenziale e dunque ridurre le divergenze all’interno dell’ERA. Lo schema prevede tra l’altro il sostegno alla creazione di un ambiente di ricerca competitivo e delle condizioni di base necessarie per attirare, mantenere e sviluppare ricercatori di talento all’interno di questi enti.

 

Rete transnazionale di NCP:la capacità amministrativa e operativa di reti transnazionali di NCP, attraverso supporto tecnico e finanziario, e allo stesso tempo migliorare il quadro in cui gli NCP sono chiamati ad operare e il flusso di informazioni tra loro e gli enti chiamati a implementare H2020. Il fine ultimo è di aiutare gli enti con minor esperienza in Stati Membri o regioni con prestazioni non ottimali a colmare il divario di conoscenza e rapidamente acquisire quel know-how già accumulato in altri paesi così da consentire un migliore accesso alle opportunità di finanziamento per la R&I presenti in H2020 e non solo.  

 

Altre attività di rilievo:

 

Supporto attraverso COST(European Cooperation in Science and Technology) per l’accesso a reti internazionali per i ricercatori e gli innovatori di eccellenza che mancano di sufficiente coinvolgimento nelle reti europee e internazionali. COST è un meccanismo intergovernativo finalizzato a incoraggiare gli scambi internazionali e la cooperazione scientifica e tecnologica tra ricercatori in Europa e fuori. Si sostengono attività congiunte come conferenze, scambi scientifici di breve termine e pubblicazioni scientifiche.

 

Una Policy Support Facility (PSF): lo scopo è di migliorare e ottimizzare l’architettura, l’implementazione e la valutazione delle politiche per la R&I dei paesi e delle regioni con performance non positive in termini di R&Ima che aspirano a diventare più competitivi a livello europeo. A questo scopo, le autorità pubbliche di questi paesi e delle regioni, se lo vorranno, potranno beneficiare di servizi di consulenza offerti da questo strumento. La PSF, inoltre, attraverso il sostegno al coordinamento politico e all’apprendimento reciproco tra gli Stati Membri permetterebbe di beneficiare delle sinergie transnazionali e di politiche per la R&I  coerenti all’interno dell’UE.

 

Budget:

2014: € 69,06 milioni – 2015: € 93,72 milioni

 

 

 
E' stata utile questa informazione?   Classfica l'utilità di questa pagina cliccando sulle stelle