Sei in Ricerca Europea ›› Horizon 2020 ›› Industrial Technologies ›› Information and Communication Technologies (ICT) ›› Attività APRE in questo tema

Attività APRE in questo tema

Area Mediterraneo: un po’ di storia

A seguito del Consiglio europeo di Lisbona (giugno 1992), l'Unione Europea ha istituito un nuovo piano per le sue relazioni con i paesi del Mediterraneo  volto a creare  un partenariato euro-mediterraneo. Esso è diventato realtà in occasione della Conferenza di Barcellona del novembre 1995, che ha riunito i ministri degli Esteri degli Stati membri dell'UE e dei paesi terzi del Mediterraneo. Il partenariato si basa su temi concernenti la sicurezza, gli aspetti economico- finanziari, culturali, sociali e politici.

La politica dell'Unione Europea nei confronti dei paesi del Nord Africa e del Medio Oriente si pone due obiettivi principali:

 

Numerosi accordi bilaterali tra l’Unione Europea e i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo sono stati firmati a partire dal 2005, con l’obiettivo di promuovere la cooperazione bilaterale nella ricerca scientifica e nello sviluppo tecnologico,  in particolare con Algeria, Egitto, Giordania, Marocco e Tunisia.

 

Per visionare gli Accordi Bilaterali dell’Unione Europea: http://ec.europa.eu/research/iscp/index.cfm?pg=countries

Per informazioni rispetto alle azioni di Policy dell’Unione Europea con i Paesi del Mediterraneo: http://ec.europa.eu/research/iscp/index.cfm?lg=en&pg=med_part

ClusMED

Nei paesi del Mediterraneo, come nel resto del mondo, le Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (TIC)  sono diventate una componente integrante della quotidianità di ogni individuo, un settore trasversale che coinvolge l'ingegneria, l’imprenditoria, l’istruzione, l’agricoltura, la ricerca, il commercio, la medicina, la governance, la politica e molto altro. Questo è particolarmente evidente nei paesi in via di sviluppo, che hanno assistito a una crescita esponenziale nell'adozione di tecnologie dell'informazione e della comunicazione.
Con peso crescente, leggi e regolamenti normativi relativi alle TIC nella regione incidono nel corretto utilizzo di tali tecnologie in tutti gli altri settori.

ClusMED ha lo scopo di sostenere la cooperazione strategica e la creazione di un dialogo permanente tra i paesi europei e dell’area del Mediterraneo sul ruolo dei regolamentazioni come motore di sviluppo delle TIC attraverso la valutazione e l’analisi comparativa del quadro normativo dei paesi del Mediterraneo. 

 

In particolare ClusMED si prefigge di:

  • Aumentare la consapevolezza sull’importanza dei regolamenti come attivatori di sviluppo delle TIC

  • Creare e rafforzare i partenariati strategici in tema di regolamentazione

  • Identificare e condividere le migliori pratiche in materia di regolamenti TIC a sostegno delle sfide per la società identificate dal programma europeo Horizon 2020

I risultati

Policy Makers, esperti di regolamentazione TIC, centri di ricerca, aziende dell’Information Technology e società civile potrebbero trarre beneficio dai risultati del progetto ClusMED, riportati di seguito:

  • documenti giuridici e normativi relativi alle TIC nei paesi oggetto dell’analisi (Algeria, Egitto, Libano, Marocco, Tunisia)

  • buone prassi individuate nella regione del Mediterraneo e Unione Europea

  • mappatura dei principali soggetti interessati alla materia nei 5 Paesi del Mediterraneo interessati dall’iniziativa.

Per maggiori informazioni:

http://clusmed.eu/
http://www.eumed-ict.eu/

 

Staff APRE

Daniela Mercurio mercurio@apre.it

Marta Calderaro calderaro@apre.it